Menu Chiudi

Recensione lastswab: il cotton fiock lavabile

cotton fiock lavabile

Oggi, per la prima recensione del nostro blog, vi voglio parlare del Lastswab, il cotton fiock lavabile.

Ho puntato questo tipo di articolo già all’apertura del nostro negozio fisico, a luglio 2019. Ci sono poi voluti ancora un po’ di mesi prima che mi decidessi all’acquisto vero e proprio.

Il primo a testare il Lastswab è stato mio marito. L’ha visto, gli è piaciuto e l’ha voluto subito provare. Premetto che, nonostante nella nostra casa, nella nostra famiglia cerchiamo di puntare ad uno stile di vita il più possibile zero waste, non sempre è semplice scontrarsi con più di 30 anni di abitudini radicate. Quindi il voler testare per me un prodotto nuovo è stata una bella sorpresa.

cotton fiock lavabile

Packaging in carta per il Lastswab

Intanto partiamo dal packaging. Confezione in carta, completamente riciclabile. Sulla confezione troviamo un sacco di informazioni utili sul tipo di confezione, sulla pulizia, un qr code per poter avere informazioni in tutte le lingue, ringraziamenti per essere parte della soluzione nella lotta all’inquinamento.

Aprendo il packaging troviamo la vera confezione del cotton fiock.

La custodia è in PLA, un materiale derivato dalla trasformazione degli zuccheri presenti in mais, barbabietola, canna da zucchero e altri materiali naturali e rinnovabili e non derivati dal petrolio (a differenza della plastica tradizionale).
Questa bioplastica è biodegradabile e compostabile quindi si degrada rapidamente nel terreno una volta raggiunte le condizioni di temperatura e umidità necessarie.

L’asta invece è in plastica, per una maggiore durabilità, caratteristica fondamentale per far sì che il prodotto duri davvero tanto. L’estremità del cotton fiock invece è in TPE, una plastica simile alla gomma, usata anche per realizzare prodotti medici e prodotti che vanno a contatto con le mucose (come le coppette mestruali e i sex toys 😉 ). Questo lo rende appunto durevole per moltissimi utilizzi.

cotton fiock lavabile

Ora passiamo a parlare del suo utilizzo e lavaggio. Intanto ricordiamo che l’utilizzo dei cotton fiock per pulire la parte interna dell’orecchio è sconsigliata. Ma se proprio non possiamo farne a meno, sicuramente una soluzione non usa e getta è migliore.

L’aspetto del lastswab è molto simile a quello di un cotton fiock usa e getta. Questo ce lo rende subito simpatico. Poi lo troviamo in tante colorazioni diverse e questo è ancora più bello. Possiamo così averne uno per ognuno senza il rischio di confonderli.

Si usa come un normale cotton fiock. La sensazione è goduriosa perchè l’estremità è composta da tante protuberanze che “massaggiano” l’interno dell’orecchio portando fuori l’eventuale cerume che può essersi depositato. Ovviamente se cerchiamo una soluzione nel post doccia/bagno, non troviamo un grande alleato perchè, essendo appunto in TPE, non ha alcuna assorbenza rispetto ai cotton fiock con la testa in cotone.

Bisogna sempre fare attenzione a non spingersi troppo dentro l’orecchio e soprattutto una grande attenzione nell’uso sui bambini, comunque sconsigliata.

Il lavaggio dopo l’uso è molto semplice e veloce: acqua e un sapone delicato sono perfetti per far tornare splendente il nostro lastswab.

Possiamo aggiungere la comodità di trasporto ai suoi pro. Il fatto di avere la custodia dove riporlo, lo rende ottimo per portarlo in viaggio, averlo in borsa, nel beauty case.

Per me questo è un gran vantaggio perchè finchè usavo quelli usa e getta, li riponevo sempre legati da un elastico nel beauty e, appena aperto ad inizio vacanza, me li ritrovavo sparsi ovunque. Adesso non succede più!

Recensione quindi super positiva e prodotto super consigliato!

Condividi questo post

Please follow and like us:
Pin Share