La mia formazione: da operaia a consulente babywearing

Nella mia vita, seppur abbastanza breve, ho cambiato decine di lavori.

Nessun lavoro trovata in me la piena soddisfazione. Sono sempre stata alla ricerca, e lo sono ancora adesso, della soddisfazione, del meglio, di quello che mi rende felice. Complici sicuramente i libri che mi spingono in una realtà parallela, ho sempre cercato di cambiare quando non mi trovavo più bene.

Spesso è stato da pazzi ma mi ha portata dove sono ora.

Ho studiato per diventare operatrice del settore turistico e mi sono diplomata con buoni voti. Non era la mia prima scelta quando in terza media ho dovuto iscrivermi (volevo fare la parrucchiera) ma ero in una fase in cui non mi andava per nulla di studiare quindi ho scelto una scuola che era reputata semplice e mi sono iscritta.

Ho completato gli studi nel 2007 senza perdere neanche un anno, ho studiato, mi sono impegnata, ho fatto quello che potevo senza pretendere troppo ma la scintilla non è scattata.

Appena finite le scuole superiori decido di cercare lavoro. Mi ero fissata con le agenzie immobiliari (non chiedetemi perchè) ma eravamo all’inizio della crisi economica sbocciata poi nel 2008 quindi era già difficile trovare un lavoro.

Sono atterrata in una assicurazione e ho iniziato la mia carriera lavorativa come agente assicurativo. Non proprio il mio lavoro. 7/8 mesi di fatica mentale, stanchezza per gli orari, difficoltà a diventare qualcosa che non ero finchè ho deciso di mollare. Tra l’altro stipendio praticamente nullo quindi non avevo davvero più nulla da perdere.

A fine 2008 trovo lavoro in uno studio dentistico. Che fa un po’ ridere se vi dico che io ODIO i dentisti. Ho avuto qualche brutta esperienza da piccola e non l’ho portata avanti bene.

La prima volta che ho assistito ad una estrazione, sono quasi svenuta!

Comunque inizio ad assistere la dottoressa titolare dello studio e vi dirò che mi piace. E’ un lavoro pulito, un lavoro di organizzazione, di attenzione, di precisione, tutte caratteristiche che combaciano con la mia persona.

Però non è tutto rose e fiori perchè non sempre vengo trattata bene, spesso anche davanti ai pazienti e io non ce la faccio più. Resisto tutto quello che è umanamente possibile e poi do le dimissioni

Faccio poi vari lavoretti, in negozi, uffici, lavori di poco conto che lasciano poco e portano via poco.

Trovo poi un lavoro come addetta alla produzione e al confezionamento in una ditta di fitofarmaci, cosmesi, ecc.

Il lavoro mi piace. E sono molto brava a farlo. Cresco in fretta, rimango in mente, vengo presa in considerazione perchè quando faccio qualcosa lo faccio sempre al 100%.

E qui entrano in gioco invidie, gelosie, paura di rimanere indietro di alcune colleghe che, in poco tempo, fanno di tutto per non farmi rinnovare il contratto.

Il mobbing che viene fatto sugli operai è imbarazzante ed a livelli umanamente insopportabili. Decine di ragazze e ragazzi passano, lavorano 1/2 settimane e se ne vanno.

Nel mentre mi sposo con Fabio e questa è la goccia che fa traboccare il vaso. Avere un utero e un marito può voler dire una sola cosa: figli!

E come ti manteniamo Veronica se fai figli. Quindi ecco che il mio contratto non viene rinnovato.

Durante i 2 anni e mezzo di lavoro mi dedico anche a prendere un secondo diploma in pasticceria tramite una scuola che offre corsi online e pratica in pasticcerie/ristoranti.

Mi dedico per un bel po’ di tempo al cake design: una delle mie passioni fin da piccola è fare torte.

Abbandono anche questa strada perchè non affine a me.

Arriva il mio ultimo lavoro da dipendente, in una ditta di cosmesi come addetta alla produzione. Si ripete anche qui un po’ la stessa cosa dell’ultimo lavoro. Brava, mi faccio notare, ho idee, sono portata per essere più dell’operaia semplice che ero ma….

… rimango incinta di Noah. 

E quindi qui sono io a lasciare per qualcosa di meglio. Non avrei mai più permesso che qualcuno mi facesse mobbing, mi facesse sentire inadeguata, mi trattasse male o con poco rispetto.

Nel gennaio 2019 divento peer babywearing con Mammole.

A febbraio e marzo 2019 frequento il corso per diventare consulente babywearing school sempre con Mammole.

Frequento durante il lockdown il corso come consulente PRO, per legature avanzate ma il periodo per me non è dei migliori e non do mai l’esame. Forse le legature avanzate non sono nemmeno il mio pane.

Frequento un corso sui filati con Nicoletta di Amrita che mi permette di migliorare la mia preparazione non solo come consulente ma anche come negoziante.

Frequento poi il corso per portare in tandem sempre di Amrita. Un corso che cambia il modo di vedere il tutto.

Adesso siamo a fine 2020 e chissà dove ci porteranno le strade…

Restate con me per scoprirlo…

Veronica