Menu Chiudi

I disturbi in gravidanza: la stitichezza

Stitichezza in gravidanza. Come aiutarci?

La stitichezza in gravidanza, insieme a nausea e vomito (ne abbiamo parlato qualche settimana fa) è uno dei maggiori e più comuni problemi che le donne sviluppano nei 9 mesi.

Molte funzioni organiche durante la gestazione vengono modificate per l’adattamento alla nuova condizione. 

Le cause del rallentamento della motilità intestinale sono dovute a:

  • il progesterone: ormone della gravidanza, che rilassa la muscolatura e rallenta le attività motorie
  • modificazioni dell’utero: l’aumento del volume uterino provoca la compressione del tratto terminale dell’intestino
  • modificazioni degli stili di vita: ridotta attività fisica, variazione della dieta e aumento di peso.

Come possiamo intervenire sulla stitichezza in gravidanza?

Ci sono facili e semplici rimedi per ristabilire la funzionalità intestinale.

  • Mantenere stili di vita adeguati: evitare una vita sedentaria, eseguire attività fisica (non eccessiva) una passeggiata di circa 30 minuti ogni giorno può bastare, nuoto, yoga. Farà bene al tuo fisico, all’umore  e aiuterà la tua regolarità intestinale. 
  • Alimentazione: bere almeno 2 litri di acqua al giorno, c’è un maggiore assorbimento di acqua da parte dell’organismo, ciò significa che la donna ha bisogno di un maggiore apporto di liquidi. Bere di più aiuta ad  ammorbidire le feci, favorendo il transito. E’ fondamentale seguire una dieta ricca di fibre, verdure cotte o crude(in base alla stagione), cereali, evitare cibi raffinati o che irritano intestino.

 

Come rimedi fitoterapici possiamo assumere:

  • Fico Radichette MG: agisce favorevolmente sulla funzione fisiologica dell’intestino, sulla motilità, sulle secrezioni e sulla capacità di assorbimento. Riattiva le funzioni del sistema vegetativo e del sistema endocrino nelle loro relazioni con il sistema nervoso centrale (collegamento cervello – intestino , il secondo cervello);
  • Magnolia officinalis MG: utile per il riequilibrio del microbioma intestinale, crea un ambiente favorevole per la crescita dei simbionti, per un flora batterica eubiotica;
  • Psillio: lassativo di massa, stimolazione meccanica della peristalsi, ha azione antinfiammatoria e lenitiva delle pareti intestinali

!!! Non assumere lassativi irritativi che contengono antrachinoni (senna, frangula)

Anche i fiori di Bach possono essere utili, ma quali possiamo assumere?

Ci sono diversi fiori di Bach che possono aiutarci a risolvere il nostro problema o comunque ad attenuarlo:

  • rock waterRock water: fiore apporta un grande beneficio, ovvero la duttilità, l’apertura affettiva nei confronti del prossimo e soprattutto la flessibilità della mente come l’acqua che scorre e passa ovunque, purificando e liberando le inibizioni. Prevale, dunque la consapevolezza che l’armonia interiore sia fondamentale e più importante rispetto a dettami di una disciplina forte. 
  • Cherry plum : rimedio della purificazione sul piano fisico, psichico e mentale
  • Chicory: fiore per la ritenzione e la congestione, aiuta a lasciare andare ed eliminare liquidi, feci, grassi. 

oli essenziali arancioÈ consigliato, se la persona ha bisogno di rilassarsi, un bagno caldo con olio essenziale di Arancio per favorire il rilassamento e sciogliere le tensioni accumulate. Aggiungere 8 gocce di olio essenziale di arancio dolce a 50 grammi di sale e 1 cucchiaio di olio di jojoba.

E voi cosa avete fatto per la stitichezza in gravidanza?

Condividi questo post

Please follow and like us:
Pin Share