Menu Chiudi

Ciao e benvenutə all’Arca di Noah!

Sono Veronica, sono una libera professionista, una moglie e la mamma di Noah, da cui prende il nome proprio il mio store. 

In quasi 2 anni di attività ci sono stati diversi scossoni che hanno rischiato di far collassare tutto quello che ho costruito. Ma sono qui e voglio raccontarti da dove nasce questa piccola Arca di Noah.

L’Arca nasce come piccolo negozio fisico in una minuscola cittadina della Brianza e il progetto iniziale era incentrato sul babywearing, i pannolini lavabili e articoli zero waste per l’infanzia.

Dopo la nascita di Noah, a luglio 2018 mi ritrovo a fare la madre di un bambino che non fa altro che piangere e io non so assolutamente cosa fare. Prendo una fascia, me la lego addosso e Noah, dopo giornate intere a piangere, di colpo smette, si accoccola a me e si addormenta. Attraverso varie vicissitudini mi iscrivo ad un corso per diventare consulente babywearing per poter così insegnare alle altre famiglie a legare i propri bambini e quindi accudirli in un modo diverso.

Fare solo la consulente non mi basta però. Voglio qualcosa di più, qualcosa di concreto. Decido così, supportata in toto da mio marito Fabio, di aprire un piccolo negozio nel mio paesino, un negozio che tratti articoli babywearing a cui aggiungere pannolini lavabili e altri articoli per l’infanzia. 

A inizio luglio 2019, dopo un mese a montare mobili e imbiancare muri, alzo la serranda del negozio al pubblico per la prima volta: una grandissima emozione.

Inizia il lavoro, arrivano le mamme e i papà durante le giornate di apertura e divento un punto di riferimento per i genitori.

L’Arca diventa un luogo per raccontarsi, un luogo per parlare, per imparare, per diventare più leggere.

Al babywearing si aggiunge la vendita di pannolini lavabili, giochi in legno, prodotti ecologici per la famiglia, detersivi eco, libri e tante piccole cose che possono essere sempre utili quando si ha un bimbo.

Apriamo poi le nostre porte anche a prodotti cosmetici, prodotti diversi che non siano solo per i nostri figli ma anche per noi genitori. Ovviamente sempre in chiave ecologica.

E poi i corsi. I corsi sono la punta di diamante dell’Arca. Ostetriche, psicologhe, consulenti del sonno, psicomotriciste, osteopate, tecnologhe alimentari, educatore di zooantropologia didattica… tantissimi professionisti entrano a far parte della famiglia!

E poi la prima batosta, dopo solo 8 mesi dall’apertura.

Siamo a marzo 2020 e già sappiamo cosa succede: il Coronavirus.

L’Arca rimane chiusa 3 mesi, è un’attività neonata e le spese da sostenere sono tante. Devo prendere una decisione drastica sul mio futuro e quello del negozio. Chiudo.

La decisione di chiudere il negozio fisico per rimanere solamente online è quella più giusta, più corretta, quella che mi salva e ci permettere di rinascere dalle ceneri come la fenice. (Trovi anche un articolo di CasateOnline che parla di me!)

Ma il babywearing inizia ad uscire dalla mia vita e capisco che non è più la mia strada.

Ad aprile 2021 ho svenduto tutto, i prodotti del negozio e la fascioteca e ho preso la strada che era dentro di me già da tempo ma non avevo ancora avuto il coraggio di intraprendere: lo zero waste.